Ai privati la gestione di 500 siti e musei
Ai privati la gestione di 500 siti e musei
Ai privati la gestione di 500 siti e musei

CERCA HOTEL O B&B IN PROVINCIA DI TRAPANI

icona luogo Luogo

icona tipologia di struttura ricettiva Tipologia

icona calendario per check-in Check-in

icona calendario per check-out Check-out

 

 

 

Trova Eventi
Per visualizzare gli eventi in programma durante il tuo soggiorno:

1) Inserisci le tue date di arrivo e partenza;
2) Inserisci la località di interesse.

arrivo Data di arrivo

partenza Data di partenza

place Località


 

 

Hotel Trapani Inn

 

Noleggio Favignana  Appartamenti Trapani Mare

BeB Margherita  Hotel Cala di Ponente San Vito lo Capo

 

Scuola inglese Trapani

 

 

 

AI PRIVATI LA GESTIONE DI 500 SITI E MUSEI


Ai privati la gestione di 500 siti e musei

 

Recensita da Luca Sciacchitano il

 

 


Aiutaci a crescere! Condividi la notizia se ti piace


 

La Regione: bandi entro fine anno. In lista il Castello a mare e la Tonnara di Favignana Nuovi bandi per una somma totale di 350 milioni di euro, per attribuire ai privati la gestione di siti culturali: la pubblicazione avverrà entro il 31 dicembre di quest´anno, e coinvolgerà i 146 siti regionali, ma non solo. L´assessore regionale ai Beni Culturali, Lino Leanza, annuncia: «I bandi saranno destinati alla rivalutazione, soprattutto economica, di luoghi di cultura. La lista competa sarà pronta a fine mese, ma posso anticipare che tra questi ci saranno il Castello a Mare a Palermo, a Catania il Teatro Antico e la Manifattura Tabacchi, la Tonnara di Favignana, il Museo di Lipari e la Fortezza di Porto Palo».
Siti che, con una accurata gestione di valorizzazione, potrebbero diventare punti di riferimento fondamentali per l´auspicato raccordo tra cultura ed economia. Si pensi al caso del Castello a Mare di Palermo, antica fortezza araba ricca di storia e reduce dal restauro di questa estate, che si affaccia sul porto della città: sede perfetta per spettacoli, allestimenti en plein air, concerti, potrebbe rivelarsi un luogo di grandissimo interesse ed attrazione. Lo stesso può dirsi per la Tonnara di Favignana, anch´essa fresca di restauro, che per importanza architettonica, enorme capacità di spazi ha tutte le carte in regola per diventare museo, spazio espositivo ma anche per una accoglienza d´eccezione. Da scoprire, ancora, la Manifattura Tabacchi e il Teatro Antico di Catania, il primo un esempio di archeologia industriale e il secondo luogo non fruito nemmeno dalla stessa città, pur trovandosi al centro dell´asse viario più importante.
Il nuovo progetto amplia la lista dei siti, e arriva a individuarne 500, aggiungendo a quelli regionali i siti comunali, provinciali, privati e i beni ecclesiastici, grazie ad un protocollo d´intesa che sarà firmato con la Cei in questi giorni. I fondi, tutti provenienti dalla Comunità Europea, sono anche destinati ai siti Unesco siciliani, comprendenti Val di Noto, Siracusa, Pantalica, Palermo, Agrigento, Monti Sicani e la zona del trapanese, Eolie e Peloritani.
In pratica, i privati che vorranno partecipare ai bandi dovranno possedere i requisiti stabiliti, ma avranno libertà nella proposta del progetto; per i bandi "a titolarità", ci si dovrà attenere ad una serie di paletti fissati dalla Regione. Parola d´ordine, "compartecipazione": finanziamento del 20 per cento per gli eventi finanziati, del 40 per cento per la realizzazione di infrastrutture, mentre i privati avranno un sostegno del 50 per cento. «La limitatezza delle risorse - dice Leanza - ma anche la consapevolezza che nell´ultimo Por i finanziamenti messi in campo, più di un miliardo e duecento milioni di euro, non ha avuto un ritorno positivo, ci ha indotto a modificare il metodo di attribuzione dei fondi».
L´assessorato ai Beni culturali manterrà comunque una supervisione sulle decisioni, trattenendo per sé tutela, conservazione, proprietà e coordinamento scientifico. «Per intenderci - conclude l´assessore Lino Leanza - basta con i concerti rock al Teatro greco di Taormina».
Ma cosa pensa chi lavora con i beni culturali? Bernardo Tortorici, responsabile dell´associazione Dimore storiche e presidente dell´associazione Amici dei musei siciliani, gestisce l´Oratorio di San Lorenzo e la chiesa della Catena: «Sono perfettamente d´accordo - dice - sulla gestione ai privati di luoghi piccoli e medi, che possano dar vita a un incremento lavorativo. Noi con il ricavato dei biglietti teniamo aperti i due luoghi tutti i giorni, paghiamo i ragazzi per le visite, le bollette e qualche piccola riparazione. Ma credo che la Regione non possa rinunciare alla gestione diretta dei suoi gioielli di famiglia, come la Villa del Casale o il Teatro Greco di Taormina: semmai occorrerebbe pensare ad alleggerirne la burocrazia e ad un personale specializzato e flessibile».

Fonte: L´Espresso

 

LUOGO DELL'EVENTO

 


 

gli eventi di Trapani, San Vito lo Capo e Favignana sul tuo sito

VUOI INSERIRE GLI EVENTI DELLA PROVINCIA DI TRAPANI SUL TUO SITO?

Un pratico tool di permetterà, con pochi click, di avere le news e gli eventi turistici sempre aggiornati per offrire un servizio ai visitatori del tuo sito.

 

PRELEVA IL CODICE

 


 

COMMENTA "AI PRIVATI LA GESTIONE DI 500 SITI E MUSEI"

 

 


 

OLTRE A "AI PRIVATI LA GESTIONE DI 500 SITI E MUSEI" FORSE POTREBBERO ANCHE INTERESSARTI QUESTI ARTICOLI?

 

Trova Eventi
Per visualizzare gli eventi in programma durante il tuo soggiorno:

1) Inserisci le tue date di arrivo e partenza;
2) Inserisci la località di interesse.

arrivo Data di arrivo

partenza Data di partenza

place Località


 

 

SicilDriver

 

Hotel Trapani Divino  Ristorante Trapani

Hotel al Ritrovo  TrigranaBB

 

Appartamenti Trapani

 

 

 

Hotel-Trapani.com

P.I. 02195840810
Powered by First Web

Cookie policy | Privacy policy