Viaggi Low cost a San Vito lo Capo, Favignana e Trapani.
Viaggi Low cost a San Vito lo Capo, Favignana e Trapani.
Viaggi Low cost a San Vito lo Capo, Favignana e Trapani.

CERCA HOTEL O B&B IN PROVINCIA DI TRAPANI

icona luogo Luogo

icona tipologia di struttura ricettiva Tipologia

icona calendario per check-in Check-in

icona calendario per check-out Check-out

 

 

 

 

SicilDriver

 

First English  Agriturismo Vultaggio

Noleggio Favignana  Appartamenti Trapani Mare

 

Asta Transfer Trapani e Palermo

 

 

 

Viaggi Low cost a San Vito lo Capo, Favignana e Trapani.

 

VIAGGI LOW COST A SAN VITO LO CAPO, FAVIGNANA E TRAPANI.

 

Recensita da Luca Sciacchitano il

 


Aiutaci a crescere! Condividi la notizia se ti piace


 

Viaggiare low cost è possibile se si conoscono alcuni "trucchetti" e si evitano alcune trappole comuni. Ogni territorio infatti ha una doppia natura, qualla turistica e quella riservata agli abitanti.
E´ norma comune, infatti, che il territorio cosiddetto turistico abbia dei costi leggermente superiori al territorio dove vivono e si muovono gli abitanti ed imparare ad indentificarlo ed utilizzarlo, ovviamente aiuta.
Inoltre, una situazione da evitare è l´urgenza. Quando si ha urgenza si è costretti a pagare il prezzo che ci viene proposto. Quando non si ha urgenza si può temporeggiare e cercare una soluzione migliore.

Infine, è sempre bene ricordare che spesso low cost e qualità non vanno a braccetto e chi più spende, ovviamente, usufruisce di più servizi.

1) Scegliere il periodo più conveniente.


Chi può, potrebbe provare a partire durante la media e la bassa stagione. Innanzitutto perchè i prezzi scendono sensibilmente. In secondo luogo perchè, durante l´alta stagione, le località vengono letteralmente prese d´assalto da una fiumana umana che rende impossibile e stressante qualsiasi piccola azione, dall´acquistare una bottiglia d´acqua a prendere un traghetto.
Alla fine si finisce per pagare di più per avere una vacanza pessima. Anche l´utilizzo delle risorse naturali è molto meno intensivo durante la bassa e la media stagione rendendole quindi più belle e pittoresche.
Nella provincia di Trapani, i periodi migliori, a mio avviso, sono i mesi di  giugno e settembre quando il turismo è basso e si riesce a vivere la propria esperienza senza stress.


2) Il volo low cost.

Oggi esistono diverse compagnie low cost che volano sugli gli scali italiani. Noi ci focalizzeremo su Ryanair che vola sia su Trapani che su palermo ma il discorso vale con tutte le compagnie.
Evitare di prenotare all´ultimo minuto! Questa è la regola principe.
Altro trucchetto che nel passato mi ha fatto risparmiare centinaia di euro in biglietti aerei è stato il monitorare costantemente il sito internet e fare le previsioni su più scali e su diverse giornate. Dopo decine di controlli, in decine di giorni diversi, appare la magica frase "3 posti disponibili a questa tariffa" e si prenota.

Nel caso di San Vito lo Capo, ad esempio, non importa poi molto se facciate scalo a Trapani o a Palermo perchè la strada è più o meno la stessa.
Ed anche nel caso vogliate andare a Favignana o a Trapani, la differenza è di circa 80 chilometri che, nel caso di risparmio anche di un centinaio di euro, il gioco vale comunque la candela.

Per mia fortuna, dato il lavoro che faccio, posso permettermi di tenere sott´occhio le offerte da 14 e 19 euro per partire nei weekend anche al di fuori dei periodi di ferie standard e questo mi ha permesso di viaggiare molto spesso regalandomi diversi fine settimana spendendo meno di 50 euro a persona sul volo.



3) Noleggiare l´auto. Si o no?

Dipende se avete necessità di spostarvi molto o no. Nel caso in cui dobbiate noleggiare l´auto esistono dei servizi online che permettono di confrontare tutte le tariffe e selezionare la più conveniente. Uno di questi, ad esempio è quello di rentalcars che permette, appunto di poter visionare le tariffe per tutte le fasce di auto. Controllate sempre le recensioni per evitare brutte sorprese e penali aggiunte a vostra insaputa. Normalmente una compagnia di autonoleggio infedele lo è con molti clienti ed il leggere le recenzioni vi aiuterà a risparmiare soldi.
Se invece non intendete noleggiare un´auto ma affidarvi ai mezzi pubblici, fate un rapido calcolo di quante volte utilizzerete il mezzo e, se diventa conveniente, valutate la possibilità di fare un abbonamento controllando sul sito del gestore se è possibile.


4) Risparmiare sull´alloggio.

Ormai Booking è diventato il mezzo principale per le prenotazioni online. Quello che non tutti sanno, però è che booking richiede una commissione che oscilla tra il 15% ed il 20% che, ovviamente paga il gestore della struttura dal prezzo esposto. In questo caso il consiglio è di verificare su booking e poi contattare direttamente la struttura facendo presente il prezzo che avete trovato su booking e chiedendo eventualmente uno sconto su quel prezzo. Il gestore sarà ben felice di guadagnare di più e voi lo sarete di risparmiare qualcosa.
Portali turistici locali, come hotel-trapani.com il sito che state leggendo, che non applicano commissioni, sono un buon veicolo di prenotazione in quanto non incidono sul prezzo finale e possono fornire informazioni del territorio esclusive che portali grandi come Booking non sono in grado di offrire.
Anche in questo caso, leggete sempre le recenzioni.
Se 20 persone dicono che il bagno si allaga. State sicuri che il bagno si allagherà anche a voi creandovi più disagi delle poche decine di euro che avete risparmiato.

Anche in questo caso, monitorare i siti internet delle strutture per tempo può essere una fonte di risparmio. Molti siti infatti hanno una sezione offerte e last minutes che variano spesso. Mettendo fra i preferiti 5-6 strutture del territorio e monitorando spesso la loro sezione delle offerte può permettervi di rispamiare diverse decine di euro se prese nel momento esatto.


5) Risparmiare sul cibo.

Quasi tutte le strutture ricettive ormai offrono, compreso nel prezzo, anche la colazione. Un modo per risparmiare è quello di fare una colazione abbondante in maniera tale da caricarsi di energie e potersi permettere un pranzo leggero, ad esempio un panino per poi cenare adeguatamente la sera.
Controllate, anche in questo caso tramite le recensioni, che le colazioni siano abbondanti, meglio ancora se con colazione continentale (uova, pancetta, formaggi, wurstel etc.). Se volete utilizzare questo "trucco", evitate le strutture che servono solo brioscine confezionate

Altro modo per risparmiare può essere quello di affittare un appartamento con cucina e provvedere da soli alla propria spesa. Anche in questo caso, evitate i negozietti e puntate verso i supermercati che non hanno la possibilità di differenziare i prezzi fra turisti e non turisti.
Se restate diversi giorni in un luogo, controllate diversi supermercati per vedere quello più economico e meglio fornito.

Se volete invece andare in qualche locale (bar, ristorante etc) anche qui fate prima un giro di 4-5 locali esaminando il menù esposto all´esterno. Non accettate mai il consiglio del cameriere "a scatola chiusa" ma scegliete sempre dal menù, verificando prima il prezzo.
Di qualche giorno fa, la notizia di alcuni stranieri a Roma che hanno pagato 43 euro per 3 gelati. Controllate il prezzo, anche se comprate un gelato, anche se comprate una bottiglia d´acqua e se il prezzo non vi convince, salutate gentilmente e fuggite via.
Considerate di ordinare il menù turistico invece che quello à la carte che vi farà risparmiare molto mangiando abbondantemente.
Considerate che al ristorante non interessa se rimane cibo sul piatto che viene  buttato, una volta che ve lo ha venduto.
Il menù turistico è fatto per vendervi una giusta quantità di cibo ad un prezzo conveniente per entrambi.
Il menù à la carte invece ha lo scopo di vendervi piatti abbondanti e quindi più cari. Non è inusuale infatti trovarsi nella situazione in cui antipasto+una portata costano più di un menù turistico che ha sicuramente porzioni più piccole ma con più portate.



6) Fidatevi del vostro ospite.

Questa è la regola principe.
Il proprietario della struttura ricettiva è al 90% dei casi del luogo e lo conosce bene.
Inoltre, lui ci mette la faccia e se vi manda a farvi pelare in un locale di un suo compare, poi sarà lui a pagarne lo scotto con una recensione negativa perdendo la faccia.
Quindi fidatevi di lui. State tranquilli che vi manderà a mangiare nel locale di qualche suo amico, il che è un bene perchè l´amico tratterà bene sia lui che, di riflesso, voi.
Inoltre, il gestore della struttura, è il parafulmine delle lamentele di decine e decine di turisti che, prima di voi, hanno subito qualche eventuale "fregatura" e quindi le conosce tutte sul territorio e non ha interesse a mandarvi nella tana del leone.
Cercate eventualmente conferma ai suoi consigli con la gente del luogo, con il barista dove state prendendo il caffè, con la guida del museo che state visitando. Se vi confermano la bontà del suggerimento, fidatevi di lui e passerete una bella vacanza. Se deluderà le vostre aspettative, distruggetelo sui social network e sui siti di recensioni :)

7) Non scegliete mai la prima offerta.

Questa è una regola basilare per qualsiasi risparmiatore. Non accettate mai il primo preventivo che vi viene offerto. Perdete quei 10 minuti di tempo per verificare altre offerte di altre aziende e se pensate che un prezzo sia gonfiato ... probabilmente lo è. Non abbiate timore di dire "Perfetto! Ci pensiamo su e poi ritorniamo" ed uscire dal locale.
Verificate in un altro negozio o locale che il prezzo sia similare. Quando appurate che quel servizio, in quella città costa più o meno quel prezzo, compratelo.

8) Le isole costano

Sono bellissime ed affascinanti, ma una volta li, devi sottostare.
Portatevi quello che potete dalla terraferma perchè normalmente i prezzi alle isole sono maggiori e, entrando nel campo dell´urgenza, vi toccherà pagare il prezzo pieno oppure fare a meno di quello che vi serve. Bevande, creme solari, cappelli. Perfino eventualmente i panini per il pranzo.
Un altro problema delle isole è che c´è poca offerta. I negozi non sono tantissimi e quindi questo influisce ulteriormente sui prezzi.



9) Lontano dalle località TOP è più economico

Più ci si allontana dalle località "calde" più i prezzi scendono. Questo significa ad esempio che, dormire a Trapani costa circa la metà rispetto a dormire a San Vito lo Capo o Favignana. Dormire a Marsala costa ancora di meno. Ovviamente questo comporta la necessità di spostarsi. Calcolate quindi bene i costi di spostamento e sommateli al costo per dormire. Se il risultato è conveniente, può essere un´idea quella di non soggiornare propri davanti la spiaggia, ma in qualche struttura più interna e dedicare quei soldi, ad esempio, a qualche escursione o a una bella cena in un ristorante.


Buone vacanze e come si dice dalle nostre parti ... ´SSABBINIRICA!

 


 

COMMENTA "VIAGGI LOW COST A SAN VITO LO CAPO, FAVIGNANA E TRAPANI."

 

 


 

OLTRE A "VIAGGI LOW COST A SAN VITO LO CAPO, FAVIGNANA E TRAPANI." FORSE POTREBBERO ANCHE INTERESSARTI QUESTI ARTICOLI?

 

 

Appartamenti Trapani Mare

 

BeB Margherita  Hotel Cala di Ponente San Vito lo Capo

Hotel Trapani Divino  Noleggio auto lungo periodo

 

SicilDriver

 

 

 

Hotel-Trapani.com

P.I. 02195840810
Powered by First Web

Cookie policy | Privacy policy