Viaggio sull isola di Favignana, terra di tufi e mare di tuffi
Viaggio sull isola di Favignana, terra di tufi e mare di tuffi
Viaggio sull isola di Favignana, terra di tufi e mare di tuffi

CERCA HOTEL O B&B IN PROVINCIA DI TRAPANI

icona luogo Luogo

icona tipologia di struttura ricettiva Tipologia

icona calendario per check-in Check-in

icona calendario per check-out Check-out

 

 

 

Trova Eventi
Per visualizzare gli eventi in programma durante il tuo soggiorno:

1) Inserisci le tue date di arrivo e partenza;
2) Inserisci la località di interesse.

arrivo Data di arrivo

partenza Data di partenza

place Località


 

 

Hotel Trapani Inn

 

Hotel Cala di Ponente San Vito lo Capo  Hotel Trapani Divino

Ristorante Trapani  Hotel al Ritrovo

 

Scuola inglese Trapani

 

 

 

VIAGGIO SULL ISOLA DI FAVIGNANA, TERRA DI TUFI E MARE DI TUFFI


Viaggio sull isola di Favignana, terra di tufi e mare di tuffi

 

Recensita da Luca Sciacchitano il

 

 


Aiutaci a crescere! Condividi la notizia se ti piace


 

È lo storiografo greco Polibio a raccontare con dovizia di particolari gli eventi della prima guerra punica. Dice che, dopo 23 anni di conflitto, vista l’inazione del potere centrale, un gruppo di cittadini decide di allestire una flotta con mezzi propri per affrontare le forze cartaginesi. Vengono costruite 200 navi e arruolati 60 mila marinai. Al comando del console Gaio Lutazio Catulo, il 10 marzo del 241 a.C. si ha lo scontro decisivo. I romani catturano 70 imbarcazioni nemiche, mentre un’altra cinquantina affonda durante i combattimenti. La potenza nordafricana è costretta a lasciare la Sicilia e, subito dopo l’ignominiosa sconfitta, condanna l’ammiraglio Annone al supplizio della croce. Con le casse statali ormai vuote tenta di ottenere un prestito dal re dell’Egitto per continuare la sfida che ha in palio la supremazia nel Mediterraneo, ma alla fine Amilcare Barca deve firmare un oneroso trattato di pace. Il luogo del cruentissimo conflitto si verifica presso le coste di Egusa, e precisamente nello specchio di Cala Rossa, che secondo la leggenda si chiama così proprio in ricordo del colore assunto dalle acque a causa dell’incredibile quantità di sangue versato dai due schieramenti in lotta.

Sui fondali della zona si trovano tuttora decine di relitti delle imbarcazioni naufragate. Ma i costi delle ricerche subacquee rendono assai oneroso il loro recupero. D’altro lato, una volta riportate a galla, sorgerebbero seri problemi tecnici di conservazione dei resti lignei, che senza complessi trattamenti sono condannati a dissolversi in poco tempo. In ogni modo è del 26 giugno 2008 il ritorno alla luce d’un frammento di quella pagina cruciale: un rostro bronzeo usato come mezzo di sfondamento per creare delle falle nelle fiancate delle unità nemiche.
Oggi l’isola testimone dell’epico conflitto è conosciuta con il nome di Favignana, scelto per rendere omaggio al favonio, il vento caldo e secco che la accarezza lungo buona parte dell’anno. È la sorella maggiore delle Egadi, l’arcipelago trapanese che comprende anche Marettimo, Levanzo e i due scogli di Formica e Maraone.

La sua forma evoca le fattezze d’una farfalla posata sulle acque con al centro l’altura di Santa Caterina e ai lati due ampie ali di tavolato calcareo. È abitata da 7 mila anni, ossia da quando, con lo sciogliersi dei ghiacci e l’innalzamento dei mari, si stacca dalla Trinacria allontanandosi dalla costa di circa 8 miglia. La principale ricchezza del territorio è costituita dalle “mafie”, un termine d’origine araba che qui non indica Cosa Nostra e gli uomini d’onore ma più semplicemente le cave di tufo. Si tratta d’una risorsa conosciuta e sfruttata fin dall’antichità, come rivela la zona archeologica di San Nicola, dove sono visibili i resti d’una specie di piscina battezzata “il bagno delle donne”.

Il prelievo e la trasformazione della bianca pietra locale caratterizza un po’ tutte le epoche scandite dalle dominazioni che si susseguono. Si parte con gli arabi, come rivelano i ruderi nella zona della Torretta e il castello di San Leonardo. Proseguono i normanni, che con Ruggero II irrobustisce le opere difensive musulmane e fa erigere la rocca di San Giacomo. Altri segni indiscutibili lasciano angioini, spagnoli e liguri. Le tecniche lavorative si perpetuano senza grossi cambiamenti nel corso dei secoli. Il rito inizia sempre alle prime luci dell’alba. Una schiera di lapicidi, che nel vernacolo locale sono i pirriaturi, raggiunge l’area estrattiva. Accanto a loro si muovono manovali, carrettieri e marinai, chiamati al trasporto del materiale. L’attività è a cottimo. La paga varia infatti a seconda del numero di conci realizzati nell’arco della giornata. Non è pertanto raro che insieme con il padre operino figli e nipoti, compresi quelli in tenera età. Quanto ai pasti, spesso si riducono a pane e cipolla o fichi secchi. L’arnese più in uso è la mannara, una particolare specie di ascia per segnare le tracce sulle porose pareti di biocalcarenite e poi ricavare i blocchi. I quali vengono spostati con il maganeddu, vale a dire un argano di legno, e tramite il passamano raggiungono gli scafazzi, cioè le grosse barche a remi o a vela che coprono le diverse tratte commerciali partendo da Puntazza, Burrone, Canaleddi, Punta Marsala Bue Marino e altri scali litoranei.

Lo sviluppo di questa voce dell’economia dura fino alla metà del secolo scorso. Poi, nonostante gli sviluppi tecnologici, comincia un progressivo declino. Da un lato i costi logistici divengono sempre più proibitivi. Dall’altro gli addetti preferiscono cercare occupazione nel variegato mondo del turismo, che promette retribuzioni più decorose e soprattutto minore fatica. I giacimenti tufacei continuano comunque a giocare un ruolo di rilievo, anche se in condizioni assai diverse. Le macchine che sostituiscono gli antichi utensili garantiscono infatti una produzione non trascurabile, pur senza richiedere la manodopera d’un tempo.

Fonte: alibionline.it

 

LUOGO DELL'EVENTO

 


 

gli eventi di Trapani, San Vito lo Capo e Favignana sul tuo sito

VUOI INSERIRE GLI EVENTI DELLA PROVINCIA DI TRAPANI SUL TUO SITO?

Un pratico tool di permetterà, con pochi click, di avere le news e gli eventi turistici sempre aggiornati per offrire un servizio ai visitatori del tuo sito.

 

PRELEVA IL CODICE

 


 

COMMENTA "VIAGGIO SULL ISOLA DI FAVIGNANA, TERRA DI TUFI E MARE DI TUFFI"

 

 


 

OLTRE A "VIAGGIO SULL ISOLA DI FAVIGNANA, TERRA DI TUFI E MARE DI TUFFI" FORSE POTREBBERO ANCHE INTERESSARTI QUESTI ARTICOLI?

 

Trova Eventi
Per visualizzare gli eventi in programma durante il tuo soggiorno:

1) Inserisci le tue date di arrivo e partenza;
2) Inserisci la località di interesse.

arrivo Data di arrivo

partenza Data di partenza

place Località


 

 

SicilDriver

 

TrigranaBB  Transfer san vito lo capo - Pagoto Tour

First English  Agriturismo Vultaggio

 

Appartamenti Trapani

 

 

 

Hotel-Trapani.com

P.I. 02195840810
Powered by First Web

Cookie policy | Privacy policy